Elezioni USA 2012 – #2 – Problemi di voto

Un dato certo su questa elezione lo conosciamo gia’: in diverse parti degli Stati Uniti votare e’ una near-death experience.

Non c’e’ stato solo il caso del vecchietto di Southfield Township (Detroit) che pareva aver esalato l’ultimo respiro nel polling booth per poi rialzarsi dopo la tracheotomia e chiedere alla moglie se aveva votato con successo. In molti collegi elettorali le file per il voto hanno raggiunto lunghezze record, con tempi di attesa superiori alle 7 ore.

La fila per votare in Florida

In Florida, ad esempio, le cose stanno cosi’ da sabato scorso, quando i residenti dello stato che intendevano votare anticipatamente in quella data si sono trovati ad attendere in code lunghe quanto un campo da football. Gia’ ieri Jezebel ci aveva fatto sorridere titolando “Florida Voting Lines Somehow Longer and More Hellish Than Actual Life in Florida”. Oggi in molte localita’ ci si trova nella stessa situazione, specialmente laddove ulteriori difficolta’ sono attribuibili agli strascichi del recente passaggio dell’uragano Sandy.

Nella bersagliata New York una speciale ordinanza di Cuomo consente agli elettori di votare in qualsiasi seggio indipendentemente dalla loro appartenenza territoriale, purche’ firmino un “affidavit” mentre forniscono le proprie generalita’.

In New Jersey alcuni elettori hanno optato per la possibilita’ di votare via email, mentre i residenti accampati negli alloggi provvisori sulla costa atlantica sono stati raggiunti da volontari alla guida di Winnebago convertiti in seggi mobili.

C’e’ poi tutto l’universo delle disfunzioni tecniche e dei guasti riscontrati dagli elettori che giunti al seggio si sono trovati ad operare macchine malfunzionanti.

Un caso diventato virale e’ stato postato su Reddit da un elettore in Pennsylvania, che ha girato un video all’interno della cabina di voto mostrando come la console elettorale gli permettesse di votare per tutti i candidati, eccetto Obama.

Il video ne richiama alla mente un altro, questo:

C’e’ chi ha diffidato dell’utente anonimo che ha caricato il video, chi invece ha ipotizzato che piu’ di una macchina elettorale fosse stata modificata in modo da influenzare il risultato elettorale.

Piu’ che di frode in un senso o nell’altro, secondo l’esperto del Center for Democracy & Technology Joseph Lorenzo Hall la console in questione sarebbe soltanto calibrata male, ed e’ stata rimossa e rimpiazzata nel pomeriggio. Simili episodi si sarebbero verificati anche in North Carolina nel corso della giornata, come riportato dal Raileigh Telegram. Le lamentele provenienti dagli elettori newyorkesi sono state raccolte da Gothamist in un articolo riassuntivo.

Qualche perplessita’ circa il funzionamento delle console di voto negli Stati Uniti e’ in fin dei conti ragionevole.Su Upworthy, uno schema ispirato da un articolo del 2004 edito sul Washington Post compara le garanzie di funzionamento e controllo qualita’ tra una di queste macchine e una slot machine a Las Vegas.

Se ad esempio lo stato del Nevada ha completo accesso al software che fa funzionare le slot, il meccanismo che regola il funzionamento delle console elettorali e’ un segreto industriale. Anche il controllo qualita’ nel caso delle slot machines e’ affidato ad agenzie pubbliche, mentre nel caso delle console elettorali e’ effettuato da compagnie private scelte e assunte dalle imprese produttrici. Sulle modalita’ dei controlli, inoltre, non e’ necessario pubblicare informazioni.

Affidabili o meno, queste console sono di utilizzo poco intuitivo anche per gli anziani. Ci e’ cascato addirittura l’ex presidente George W. Bush, che recatosi questa mattina alle urne a Crawford, Texas, si e’ ritrovato a votare per errore per il candidato democratico Barack Obama.

A una giornalista del Waco Times Bush avrebbe detto che le indicazioni sullo schermo di voto erano estremamente “mis maladjusted”, segnalate male: “Non si possono elencare in quel modo tutti i senatori, i rappresentanti e i presidenti, tutti messi insieme. E’ troppo disordinato, cosi’ si confondono gli elettori”.

Il voto accidentalmente espresso da Bush sara’ uno dei pochi in favore dei democratici nel repubblicanissimo Texas. Quando si dice ironia della sorte.

[EDIT: confermato che la vicenda Bush è una favola, pare che il Daily Currant sia un parente di The Onion che in questi primi due anni d’America mi era sfuggito. Ci siamo cascati in tanti anche dagli USA, e comunque la cosa non ha impedito a diverse altre redazioni di copiare e incollare la bufala come l’avevo raccontata io (TgCom, cough cough). C’est la vie, c’est le web.]

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s